Il disturbo oppositivo-provocatorio…quando i bambini sono “difficili”

Il Disturbo Oppositivo Provocatorio-DOP è una modalità ricorrente di comportamento negativistico, provocatorio, disobbediente, ed ostile nei confronti delle figure dotate di autorità che persiste per almeno 6 mesi ed è caratterizzato da frequente insorgenza di almeno uno dei seguenti comportamenti: perdita di controllo, litigi con gli adulti, opposizione attiva o rifiuto di rispettare richieste o regole degli adulti, azioni deliberate che danno fastidio agli altri, accusare gli altri dei propri sbagli o del proprio cattivo comportamento, essere suscettibile o facilmente infastidito dagli altri, essere collerico e risentirsi, o essere dispettoso o vendicativo.

La manifestazione del disturbo è quasi invariabilmente presente nell’ambiente familiare e può non essere evidente a scuola o nella comunità.
I sintomi del disturbo sono tipicamente più evidenti nelle interazioni con gli adulti o i coetanei che il soggetto conosce bene e possono quindi non manifestarsi durante l’esame clinico e la terapia. Di solito i soggetti con questo disturbo non considerano oppositivi o provocatori i propri comportamenti, ma li giustificano come una risposta a richieste o circostanze irragionevoli.

I criteri diagnostici per il DOP sono i seguenti:
A – Una modalità di comportamento negativistico, ostile e provocatorio che dura da almeno 6 mesi, durante i quali sono stati presenti 4 (o più) dei seguenti criteri:

•spesso va in collera;
•spesso litiga con gli adulti;
•spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare le richieste o regole degli adulti;
•spesso irrita deliberatamente le persone;
•spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento;
•è spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri;
•è spesso arrabbiato e rancoroso;
•è spesso dispettoso e vendicativo.
B - L’anomalia del comportamento causa compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo.

C -I comportamenti non si manifestano esclusivamente durante il decorso di un Disturbo Psicotico o di un Disturbo dell’Umore.

D - Non sono soddisfatti i criteri per il Disturbo della Condotta, e, se il soggetto ha 18 anni o più, non risultano soddisfatti i criteri per il Disturbo Antisociale di Personalità.

https://jizzrain.com/cats/9/

Resta aggiornato abbonandoti al feed RSS 2.0. I commenti sono stati disattivati. Puoi inviare un trackback dal tuo sito.

I commenti sono chiusi.